Strudel di mele della tradizione

In occasione dei festeggiamenti del mio compleanno, per poter soddisfare anche chi non ama troppo i dolci come il mio papà, mi sono cimentata nella preparazione di un dolce tipico della mia regione (il Friuli Venezia Giulia), lo strudel di mele. Lo strudel (dal tedesco Strudel = vortice) è un dolce a pasta arrotolata o ripiena che può essere dolce o salata, ma nella sua versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella.

Originario delle aree dell’Impero Bizantino, dove ancor oggi si prepara la baklava, si è quindi largamente diffuso con il nome di Strudel dall’Impero austro-ungarico in tutto il mondo a partire dalla metà  del XIX secolo. In Italia tradizionalmente viene preparato nelle terre che un tempo erano sotto la dominazione austro-ungarica, principalmente Trentino-Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Dello strudel esistono infinite varianti (con la sfoglia, con la frolla…),  per provare  una ricetta il più tradizionale possibile, ho testato la versione proposta dalla “Cucina Triestina”, (il libro di ricette che usava la mia nonna). La ricetta suggerisce, per ottenere una buona pasta per lo strudel, di sbattere con violenza l’impasto sul piano di lavoro….la nonna lo faceva sempre e  devo dire che funzionato!

Il dolce è piaciuto moltissimo, e mio zio ha già chiesto di rifarlo per il suo compleanno!

Tempo di preparazioneTempo di cotturaDifficoltà
1 ora e mezza30 minutiMedia

Ingredienti

Pasta (per 2 strudel)

  • 100 ml di acqua tiepida
  • 250 g di farina manitoba
  • 2 cucchiai di Olio extravergine oliva
  • 1 pizzico di sale
  • 1 Uovo medio-grande

Ripieno (dose per 2 strudel)

  • 120 g di burro (per tostare il pangrattato)
  • 100 di burro liquefatto 100 (per ungere la sfoglia)
  • 2 cucchiai di cannella
  • 1 kg di mele golden
  • 170 g di pangrattato
  • 60 g di pinoli
  • 4 cucchiai di rhum
  • 100 g di uvetta
  • 120 g di zucchero 
  • Succo di limone

Decorazione

  • Zucchero al velo q.b.

Preparazione

Pasta

1 Setaccia la farina su di una spianatoia o in una terrina, fai la fontana e al centro metti l’uovo, il sale e l’olio (Foto 1)

strudel di mele (1)
Foto 1

2. Impasta i liquidi con la farina, fino a formare un composto grumoso (Foto 2 e 3). 

strudel di mele (2)
Foto 2

 

strudel di mele (3)
Foto 3

3. Aggiungi a poco a poco l’acqua, tanta quanto basta per rendere l’impasto omogeneo, lavorarlo quindi energicamente, sbattendole con violenza sul piano di lavoro fino ad ottenere una pasta consistente, liscia ed elastica. (Foto 4 e 5).

strudel di mele (4)
Foto 4

 

strudel di mele (6)
Foto 5

4. Forma una palla, ungila con l’olio, coprila con della pellicola trasparente (Foto 6) e lasciala riposare per almeno mezz’ora in frigo.

strudel di mele (7)
Foto 6

Ripieno

1. Metti a bagno l’uvetta nel rum, o se preferite, in acqua tiepida (Foto 7) e tosta il pangrattato nel burro (Foto 8).

strudel di mele (8)
Foto 7

 

Foto 8

2. Sbuccia le mele, togliendo loro il torsolo, e tagliale in quattro spicchi e poi a fettine sottili. Versa le mele in una ciotola capiente, aggiungi qualche cucchiaio di succo di limone e aggiungete l’uvetta strizzata.

3. Unisci la cannella in polvere, lo zucchero, i pinoli, e un po’ di rhum (Foto 9). Mescola delicatamente gli ingredienti e lascia riposare in frigo.

Foto 9

Composizione

1. Accendi il forno in modalità statica a 200°. Nel frattempo prendi la pasta, dividila in due parti uguali e stendi la prima metà dandole la forma di un rettangolo su un canovaccio infarinato. Stendi bene la pasta fino in modo da ottenere una sfoglia il più sottile possibile. La pasta deve diventare sottile come un foglio di carta e quasi trasparente: è importante che risulti ben elastica e non si rompa (Foto 10).

Foto 10

2. Ungi la sfoglia con metà del burro liquefatto, lasciando tutto intorno un bordo di 2-3 cm e cospargila con metà del pangrattato tostato precedentemente nel burro (Foto 11).

Foto 11

3. Disponi sopra il pangrattato metà del composto di mele (Foto 12). Arrotola lo strudel dalla parte più lunga, facendo attenzione a non rompere la pasta, aiutandoti con il canovaccio sul quale è posizionato (Foto 13 e 14). Chiudi bene anche sui lati, per evitare che il ripieno esca durante la cottura.

Foto 12

 

Foto 13

 

Foto 14

4. Trasferisci lo strudel su una teglia foderata di carta da forno con la chiusura rivolta verso il basso (Foto 15) e un ungilo bene con il burro fuso (Foto 16).

strudel di mele (16)
Foto 15

 

strudel di mele (17)
Foto 16

5. Cuoci lo strudel a 200°C in forno statico: dopo 30 minuti verifica se la pasta risulta dorata , spegni il forno e lascia dentro il dolce per ancora qualche minuto.

6. Ripeti le operazioni descritte nei punti precedenti con la seconda parte dell’impasto.

Decorazione

1.Cospargi gli strudel di zucchero al velo e serviteli tiepidi e tagliati a fette.

Consigli

  • Con queste dosi io ho preparato due strudel lunghi circa 45 cm.
  • Per evitare che la pasta si indurisca troppo, a metà cottura dai un’ulteriore spennellata con il burro fuso.

Con questa ricetta partecipo al contest dedicato alla mela del blog Morena in cucina

 

 

  • morena.delucia

    Lo studel è uno di quei dolci a cui non so proprio dire NO!!! Lo adoro alla follia e ti ringrazio per averci raccontato la sua storia!
    Grazie anche x aver partecipato alla mia sfida di Novembre!
    Un abbraccio!

    • Giulia de Fornasari

      Ciao grazie mille!Partecipare alle tue sfide è sempre un grande piacere Non vedo l’ora di sapere quale sarà quella di dicembre!
      Un abbraccio e a presto!!

      2012/11/20 Disqus

Privacy Policy